Il maniscalco - maniscalco

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il maniscalco

Mascalcia

 Il maniscalco è l'artigiano che esercita l'arte della mascalcia, ossia del pareggio e ferratura del cavallo e degli altri equini domestici (asino e mulo).

L'etimologia della parola è strettamente legata a quella di maresciallo (come dimostra anche la vecchia variante sininimica mariscalco), dalla radice mare (in inglese, giumenta) e dalla radice shall (dovere, responsabilità); interpretazioni più accreditate indicano l'origine della parola inglese marshal dall'antico germanico marah (cavallo) e schalh (servo), indicando quindi colui che si occupa/che è responsabile/che si prende cura dei cavalli, parola che poi si è diffusa in europa.


Storicamente, l'arte del maniscalco si sovrapponeva in parte a quella del fabbro, i ferri venivano infatti forgiati al momento, e
su misura, secondo le necessità dei cavalli. Attualmente l'ampia disponibilità commerciale di ferri di cavallo già pronti rende inutile il loro confezionamento, ma è comunque richiesta una certa competenza nella lavorazione del ferro per i necessari adattamenti che vengono attuati a freddo o a caldo con i tradizionali attrezzi del fabbro ( fucina, incudine, mazza).


 L'atto dell'adattamento e dell'applicazione del ferro non esaurisce il compito del maniscalco; infatti, un'importante fase della ferratura è il pareggio che consiste nell'asportazione dell'eccessiva crescita delle varie parti dello zoccolo verso il suolo (muraglia, fettone, suola, barre).


















 
Torna ai contenuti | Torna al menu