I cavalli nel medioevo - maniscalco

Vai ai contenuti

Menu principale:

I cavalli nel medioevo

Curiosità

Il cavallo e i suoi ruoli in epoca medievale.

Nel medioevo l'uso del cavallo ha avuto un importanza fondamentale, esso è stato impiegato in diversi contesti come ad esempio: il trasporto da un punto all'altro con carichi pesanti, all'utilizzo in ambito bellico oppure come mezzo per rendere facile e più veloce il lavoro nei campi agricoli sostituendo anche il forte bue. Questo concetto è sicuramente applicabile in occidente come ben possiamo immaginare,mentre, in regioni orientali il cavallo ha avuto le stesse funzioni come in occidente come attestano numerosi scritti del tempo. La cultura orientale nell'utilizzo di questo animale, durante l'arco del medioevo,  ha suscitato un utilizzo in ambito militare un po retrogrado, a causa dell'assenza quasi totale di una vera e propria cavalleria pesante utilizzata durante scontri armati. 
Nel Medioevo il cavallo veniva distinto, a seconda del servizio prestato, in DestrieriCorsieriPalafreniRonzini e Somieri
Il destriero era il grande cavallo da guerra, di andatura lenta. 
Il corsiero era portato piuttosto alla corsa e ad andature sostenute. 
Il palafreno era più adatto all'uso quotidiano e ai viaggi; invece
Il ronzino era un cavallo gregario di minor pregio, che talora portava anche some. 
Il somiere, lento e tranquillo. 

Il destriero è un cavallo utilizzato prettamente per la guerra, quindi scontri armati come assedi e battaglie, doveva essere un cavallo con una muscolatura possente ingrado di trasportare il cavaliere con la sua armatura e le sue armi, veniva addestrato per superare situazioni di rumori improvvisi, urla, mischia e calca di persone; pertanto avendo una struttura muscolare davvero possente era abituato a sforzi continui e a lungo termine. 
Oggi non sappiamo le sue dimensioni vere e proprie, ma possiamo forse paragonarlo alle razze Murgese, Frisone, Andaluso, lo Shire; questi cavalli da guerra a seconda dell'epoca venivano bardati con la semplice sella e sottosella (X-XI sec.), oppure con gualdrappa imbottita (fine XII sec.circa ), alle cotte di maglia e gualdrappa (XIII- XIV sec. circa), fino alle piastre complete (XV-XVI circa in poi). 

Come il destriero il Corsiero veniva utilizzato spesso nei tornei per la sua mole comunque considerevole ma molto più veloce del destriero, il tipo di muscolatura erà comunque sviluppata per un lavoro di sforzo prolungato, ma per la minore massa rendeva questo cavallo adatto a impatti considerevoli durante i tornei. Le probabili razze dovevano essere forse uguali a quelle del destriero, ma la tipologia di addestramento forse era differente, pertanto quest'animale fu impiegato comunque tranquillamente in guerra, forse come cavalleria non pesantemente armata ma leggermente più leggera, o in caso di mancanza del destriero da guerra pesante.
Il cavallo era costoso per quell'epoca e quindi solo i nobili avevano la possibilità di averne uno o due per i più facoltosi, le bardature a protezione dell'animale, venivano fate su misura (cotte di maglia o piastre di ferro) e avevano un costo elevato, pertanto sono pochi i signori che sceglievano di acquistare queste armature per il loro destriero. 
 
A differenza degl'altri il Palafreno era il cavallo specializzato per i viaggi, era molto più piccolo degl'altri con la sua muscolatura, era comunque robusta ma molto di meno delle due categorie precedenti. Erano ingrado di percorrere lunghi viaggi con un peso moderato in groppa, veloci nel trotto consentendo di essere utilizzati anche durante lo sport più noto nel medioevo, cioè la caccia. Grazie alla sua agilità e velocità consentiva di seguire una preda in battute di caccia anche contro animali più possenti come il cinghiale.






I Ronzini e i Somieri sono animali da soma, quindi dediti al trasporto notevole di qualsiasi cosa, dal carro ad attrezzature personali del signore, sino al lavoro nei campi. Questi animali hanno la loro utilità nel mondo medievale, pertanto era molto più semplice possedere un animale da soma che un cavallo vero e proprio dedito a particolari funzioni, come si può immaginare questi animali erano quasi sempre impiegati nei campi o nel trasporto su sentieri montani dove il somiero era capace di trasportare il materiale senza alcuna problema; cronache della prima crociata scrivono che i crociati prima di giungere ad Antiochia attraversarono le montagne del Antitauro con somieri e ronzini. 






 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu